Ryen Xydrik

Umano Chierico di Shaundakul

Description:

Come linea di condotta, preferisce non essere mai in prima linea, pensando prima a difendere i più bisognosi. In caso da solo, non disdegna la fuga come prima mossa, anche potendo vincere, preferisce evitare gli scontri.
E’ un tipo gioviale e sempre sorridente. Non si perde facilmente d’animo e affronta le avversità come occasioni per fare esperienze.

Bio:

Ryen è nato in una città del nord.
La sua famiglia, dedita da tempo al commercio e all’organizzazione di carovane, avrebbe desiderato che l’erede si occupasse degli affari.
Purtroppo già in giovane età dimostrò che difficilmente il sogno del padre si sarebbe avverato. Spesso Ryen preferiva vagabondare fino a ben oltre i confini della città, ascoltare i racconti dei bardi su luoghi lontani o semplicemente osservare il panorama disteso a terra.
Col passare degli anni, la volontà di non stare mai fermo aumentò.
Divenne così un discreto esploratore, spingendosi a scalare le vette delle montagne, e imparando a sopravvivere nella natura .
Negli anni successivi prese anche l’impegno clericale. Non che ci capisse molto di religione, ma in questo modo poteva unire l’utile al dilettevole: impegnarsi nei suoi amati viaggi e infondere questo sentimento anche a chi lo reclutava come guida o esperto.
Se esiste una cosa che a Ryen rimase impressa, fu la manifestazione della volontà di Shaundakul. Come ogni adepto della potente divinità, venne trasformato in forma gassosa e trasportato lontano.
Dopo questo evento, il padre decise di passare gli affari in mano alla sorella di Ryen. Ana era esattamente l’opposto del fratello: meticolosa, studiosa, attenta ai numeri e sedentaria soprattutto. Seppur caratterialmente molto distanti, i due fratelli si son sempre amati.
Ora Ryen è in procinto di partire per l’ennesimo viaggio, insieme ad alcuni nuovi compagni.

“Purtroppo Rewalt, le conoscenze sulla mia famiglia si fermano a molto tempo fa, quando non avevamo niente a che fare con questa città o le prigioni.

Io in teoria sarei dovuto diventare l’erede dell’impresa commerciale, ma mi rifiutai perchè non mia indole.
Molto più portata di me, era mia sorella Ana, che è la stessa di cui ho visto il volto con il non morto.
Mio padre Erriksi stava ormai avviando verso la vecchiaia.
Altri fratelli e sorelle ne ho avuti, ma si sa come funziona di questi tempi, molti muoiono presto per malattie o incidenti.
Avevo un fratello più piccolo, Aravan, ma era ancora giovane quando ho lasciato il mio luogo natio.
Inoltre lo vedevo più simile a me…
Avevo vari cugini, una quindicina!
Alcuni non avevano nulla a che fare con i nostri commerci.
La famiglia di uno dei miei zii invece, era esperta nell’artigianato del legno, ed era specializzata nella costruzione dei carri delle nostre carovane, dalla materia prima fino a metterli in strada.
Per la protezione ci affidavamo a mercenari, e quando succedeva qualcosa di più pericoloso, usavamo gruppi di avventurieri. Mai nessuno di fisso però.
I nostri partner commerciali erano molti e non ne ricordo assolutamente il nome. I beni portati erano metalli, legno pregiato e pelli di animali… comunque una clientela medio-alta. Forse è tramite questi che siamo giunti fino a qui.

Però non posso essere troppo utile… speravo che Fash avesse scoperto qualcosa."

Ryen Xydrik

Flagello MadLefty MadLefty